Lunattiva: Mantova premiata per la partecipazione

I Puntiluna accumulati dal nucleo familiare sono usati per compensare o ridurre la morosità accumulata con l’Aler, l’agenzia per l’edilizia residenziale. Sembra un gioco – e un po’ lo è – ma permette agli abitanti di Lunetta, quartiere di Mantova dove di concentrano le case popolari, di ridurre i propri passivi con l’Aler, svolgendo attività che contribuiscono a migliorare i servizi comuni e ad aiutare altre persone in difficoltà. Una specie di banca del tempo di quartiere che offre 5 Puntiluna per un’ora di volontariato base e fino a 20 per servizi di particolare valore sociale. È prevista la raccolta di Puntiluna Solidal da parte di chi non abbia una morosità e desideri aiutare un altro nucleo familiare.
Non poteva mancare – ma in questo caso è davvero utile – lo strumento digitale. Attraverso il sito di Lunattiva e la semplice app per cellulare, entrambi presto tradotti anche in inglese, francese e arabo, tutti i residenti possono collegarsi al portale e verificare le attività presenti nel quartiere offrire la propria disponibilità e collaborazione, controllare le richieste e visualizzare i punti raccolti. Ma c’è anche l’opportunità di un contatto dal vivo: l’Officina delle Idee, lo Sportello di Lunattiva, che accoglie i nuovi residenti e li introduce al quartiere, organizza eventi e occasioni di incontro e molte altre iniziative per tutte le età, https://www.lunattiva.it/index.php/it/raccolta.
Per questo progetto, finanziato dal Fondo Sociale Europeo e attivo da circa un anno e mezzo, il Comune di Mantova ha ricevuto all’Assemblea nazionale dei Comuni italiani il “Cresco Award”, promosso dalla fondazione Sodalitas e dell’ANCI, per premiare l’impegno delle Amministrazioni locali nel raggiungere gli Obiettivi 2030 delle Nazioni Unite con il coinvolgimento attivo dei cittadini.